Annunci

Arrivederci Mr. Coat, la recensione

Arrivederci Mr. Coat è una web series tutta italiana che spicca per freschezza, ironia e divertimento.

La signorina Salvaiuti è scomparsa e il suo fidanzato, sotto shock, chiama la polizia perché si inizino indagini approfondite sull’accaduto. Purtroppo per lui, gli capitano in sorte i due detective Ponzielli e Moroni, a cui di certo non manca la buona volontà ma, purtroppo, proprio non riescono a non combinarne di tutti i colori.

Perquisendo la scena del crimine, ritrovano un quaderno con delle annotazioni scritte dalla ragazza, presumibilmente rapita. Gli appunti sono a proposito di alcuni uomini che aveva frequentato fino a poco tempo prima e i due agenti si mettono subito alla ricerca di questi individui, certi che almeno uno di loro sia responsabile della scomparsa.

A complicare la già spinosa situazione cooperano senza alcuna esitazione i testimoni, che non riescono ad accordarsi sulla versione dei fatti, e gli indiziati, che giocano a fare i reticenti.

Nessuna luce a fare capolino dal fondo del tunnel, ma, in compenso, un alteratissimo commissario sbuca in qualunque momento. Riusciranno i nostri eroi a scoprire chi ha rapito la signorina Grazia?

La web series Arrivederci Mr Coat nasce come medio metraggio (44 minuti) in cinque capitoli all’interno del corso di laurea in Scienze e Tecnologie Multimediali dell’Università di Udine. Regia e sceneggiatura di Andrea Martelli e Marco Fabbro, soggetto di Andrea Martelli.

Oltre ad essere ironico, ben fatto e tremendamente divertente, il poliziesco è interpretato da attori più che discreti, vanta un montaggio impeccabile e ha delle location pazzesche, tra cui la questura, una casa completamente sottosopra e degli esterni particolarmente apprezzabili. Belli i costumi e notevoli le riprese

La colonna sonora, a cura di Vincenzo DeFrancesco, è a tratti molto creativa e si sposa decisamente bene con le immagini – soprattutto nella scena di “lotta”

Oltre ad essere una web series fresca, è anche un lavoro che ha un suo perché e che, a sorpresa, divulga un messaggio. Per altro, un messaggio piuttosto profondo. Ma non si anticipa nulla…

Vivamente consigliata: a bambini, teenager e adulti. Vale assolutamente la pena.



Tutti i sei episodi sono disponibili integralmente e legalmente su Youtube. 

Annunci
Tags:

© 2009 - 2018 Associazione Culturale Sugarpulp

Log in with your credentials

Forgot your details?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: