Annunci

Non solo sushi: alla scoperta della cucina giapponese con Netflix

Non solo sushi: alla scoperta della cucina giapponese con Netflix

Non solo sushi: alla scoperta della cucina giapponese con Netflix. Tre serie da guardare per un viaggio all’interno dei piatti e delle tradizioni culinarie del Sol Levante.

La cucina giapponese viene spesso identificata soltanto con il sushi, come peraltro succede a quella italiana che per il resto del mondo di solito è pizza e/o spaghetti.

In realtà la cucina giapponese ha una grande varietà di piatti, piatti che non sempre è possibile mangiare qui in Italia per mille motivi diversi.

Il Giappone peraltro non è uno stato come gli altri: da sempre infatti esercita su noi italiani un fascino quasi morboso (sarà colpa dei cartoni animati giapponesi?), sentimento peraltro ampiamente ricambiato dai giapponesi che sono innamorati pazzi dell’Italia e degli italiani.

Se volete togliervi qualche curiosità sulla cucina giapponese, se amate scoprire i lati inediti e meno noti dei nostri cugini con gli occhi a mandorla, o se vi state preparando ad un viaggio a Tokyo e dintorni, avete soltanto tre modi per saperne di più:

  • digitate cucina giapponese su Google poi iniziate a cercare tra i risultati;
  • vi leggete il libro della Pina;
  • vi guardate le tre serie Made in Japan disponibili su Netflix di cui sto per parlarvi.

Midnight Dinner: Tokyo Stories

Quando le persone giungono a fine giornata e si affrettano verso casa, inizia la mia giornata…

Midnight Dinner: Tokyo Stories: “I clienti di un ristorante apparentemente ordinario creano rapporti semplici ma profondi condividendo la passione per piatti particolari”.

Serie magnifica. Il cibo e la cucina giapponese sono un gustoso contorno a storie vissute in una Tokyo notturna e a tratti surreale (soprattutto per noi occidentali). Episodi brevi, di poco più di venti minuti, tutti intrisi di poesia e di empatia per i tanti personaggi che capitano nella tavola calda di chef Master (Kaoru Kobayashi).

La serie, tratta dal manga Shinya Shokudō di Yarō Abe (inedito in Italia), è stata un successo pazzesco in tutta l’Asia. Quella prodotta e trasmessa da Netflix infatti è la quarta stagione (le altre sono andate in onda rispettivamente nel 2009, 2011 e 2014).

Midnight Dinner è arrivato anche sul grande schermo nel 2015 con il titolo di Shinya Shokodô (da noi il film non è stato distribuito ed è passato praticamente solo al Far East Film Festival), mentre un secondo film è attualmente in lavorazione.

Kantaro – Il rappresentante goloso

Kantaro – Il rappresentante goloso: “Il rappresentante editoriale Kantaro liquida a tempo di record le visite ai clienti per dedicarsi segretamente alla sua passione: i dolci più sfiziosi”.

Altra serie tratta da un manga di successo (anche questo inedito in Italia), Kantaro – Il rappresentante goloso è un viaggio delirante tra i mille dolci della cucina giapponese.

Il protagonista è un rappresentante di libri masochista, ma il suo masochismo è rivolto alla sua passione segreta a perversa: i dolci. Ad aumentare a mille il tasso di perversione è il fatto che Kantaro gode dei suoi amati dolci durante l’orario lavorativo, particolare gravissimo vista la rigida mentalità giapponese.  Vi lascio immaginare a che livelli di follia e di delirio può arrivare una serie del genere.

Al di là della sceneggiatura scriteriata e completamente impazzita, e al di là delle trovate visive prive di qualsiasi senso, non si può non sottolineare la grande bellezza del cibo e delle ricette giapponesi tra colori pazzeschi e piatti stupendi, per lo meno da guardare (quando li assaggio poi vi dico se sono anche buoni).

Samurai Gourmet

Samurai Gourmet: Da poco pensionato, Takeshi riscopre la passione per la vita e la cucina risvegliando il suo animo di samurai e mangiando quello che più lo ispira.

Se fino ad ora abbiamo parlato di follia e delirio, qui siamo decisamente oltre. Samurai Gourmet ci presenta il girovagare per locali di un pensionato giapponese, con tanto di samurai medievale che spunta fuori attraverso una sorta di porta extradimensionale a metà tra l’onirico e il  lisergico.

Per un occidentale a volte il tutto può sembrare ostico, se non semplicemente incomprensibile, fatto sta che la serie è una figata pazzesca.

Interessante anche perché oltre alla cucina giapponese si ha modo di vedere come i nostri cugini del Sol Levante si rapportino ad alcune delle più famose cucine orientali, ovvero quella coreana e quella cinese.

Annunci
Tags:

© 2009 - 2018 Associazione Culturale Sugarpulp

Log in with your credentials

Forgot your details?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: