Da Vinci’s Demons

Da Vinci’s Demons, inizia sotto i peggiori auspici ma se hai pazienza è un’esplosione ben congegnata!

Che sia fan di Starz si è capito con la mia visione personale di Spartacus, che questo Da Vinci’s Demons potesse ripetere gli ascolti del compianto gladiatore ci credevo poco. Subito i primi trailer e preview mi lasciarono abbastanza basito per l’orribile CGI e la disperazione nel vedere un indiscusso mito così bistrattato.

Da Vinci's Demons

Da Vinci’s Demons mette proprio quel Da Vinci, Leonardo, in chiave action e decisamente inusuale, raccontandone vita, miracoli e ingegno, esasperando il lato oscuro della travagliata vita di quest’ultimo. Un’operazione ad altissimo rischio “cazzata” senza la ben che minima possibilità di riuscita.

Dopo la visione del pilot avevo già destinato la serie sull’amato uomo di scienza nei meandri dell’inferno, nello specifico all’ottavo cerchio, terza bolgia a destra! Da copione riportava tutto l’orrore visto precedentemente sul materiale pubblicitario che inondava da mesi la rete. Ma ecco che inavvertitamente, nella tristezza più assoluta, lessi il nome dell’ideatore di cotanta cavolata… Goyer!

David S. Goyer, lo ami e lo odi, non ci sono vie di mezzo! Dalle vette del sempreverde Blade, all’oblio di Ghost Rider fino all’ottimo Men of Steel, questo sceneggiatore pluritatuato non ha vie di mezzo narrative, tutto è “super heroes”, tutto è esageratamente “comics” nel profondo. Pertanto decisi di dare una seconda chance a Da Vinci’s Demons in nome di David.

Da Vinci's Demons

L’amore scoppiò frantumando gli evidenti difetti di questa serie, tant’è che sono qui a parlarvene in maniera decisamente positiva. Nessun capolavoro sia chiaro, ma dopo otto puntate in un crescendo stilistico evidente, un recitato per nulla deludente, furbizia nell’utilizzare meno computer e più forza bruta, inserimenti narrativi da maestro nelle lacune storiografiche fiorentine e vinciane e per finire una sana dose di fantasy, rendono il tutto molto più che godibile.

Da Vinci (Tom Riley) si muove all’interno della sua vera storia, romanzata ad arte negli anni oscuri del maestro sul finire degli anni 70, nella Firenze governata dall’illuminato Lorenzo de’ Medici (Elliot Cowan) in lotta aperta contro il Papa Sisto IV (quello della “Cappella”) e la famiglia dei Pazzi, di nome e di fatto.

Goyer infila magicamente la chiave fantasy, con ben architettati escamotages e deliranti derive psichedeliche del personaggio vinciano, corroborata da muscoli e beltà del Tom di turno per creare un superhero sospeso tra lo Sherlock Holmes di Ritchie e il Batman di Nolan.

Da Vinci's Demons

Gioco, droga, sesso, arte e genialità sono i quattro pilastri su cui si fonda la vita di Leonardo Da Vinci, questa serie li prende, li mischia e tira fuori dal cappello una storyline all-action mixata ad arte dal buon Goyer. Tutti i valori saranno sballati ma se accettate questo troverete in Da Vinci’s Demons il prossimo passatempo per le vostre serate casalinghe.

Molto consigliato a chi non conosce la storia rinascimentale in questione. Consigliato a quelli che la storia la conoscono bene, giocherete a trova il personaggio. Meno consigliato se siete storici ferventi o credenti integralisti, qui la Chiesa prende vere mazzate fisiche e verbali.

Guarda il Trailer

Tags:
  • Simone Marzini

    io mi sono fermato al pilot…. vediamo se recuperarlo

Contattaci

Non ci siamo in questo momento. Mandaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Sending

© 2009 - 2016 Associazione Culturale Sugarpulp

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account