Annunci

Giacomo Casanova La sonata dei cuori infranti, la recensione di Andrea Andreetta

Giacomo Casanova, Matteo Strukul, featerud

Giacomo Casanova La sonata dei cuori infranti, milestone di un percorso artistico in ascesa

Titolo: Giacomo Casanova – La sonata dei cuori infranti
Autore: Matteo Strukul
Editore: Mondadori
Pagine: 312 (Cartonato con sovraccoperta)
Prezzo: 19 euro

Matteo Strukul non dorme, o così pare, sfornando romanzi a mitraglia dalla scrittura sempre più matura e coinvolgente.

Rispetto alla saga dei Medici (I Medici – Decadenza di una famiglia, I Medici – un uomo al potere), questo Giacomo Casanova – La sonata dei cuori infranti è un testo “cinematico” figlio illegittimo di quel Sangue dei Baroni, vero nonsense pulp pieno di joie de vivre.

Non posso nascondervi che essere amico di Matteo potrebbe portare alcuni di voi lettori a pensieri impuri e cinicamente maliziosi, però se lo fate sbagliate di grosso, sono estremamente impietoso con chi stimo. La stima devi conquistarla, soprattutto nel lavoro, passo dopo passo inesorabilmente e da quel che vedo, i dati di vendita, Matteo Strukul ha già conquistato moltissimi di voi.

Voi siete la cartina tornasole dello “Strukul lavoro”, pertanto non meri lettori ma veri giudici che gli riconoscono il merito di provarci e di riuscirvi. Giacomo Casanova – La Sonata dei cuori infranti è summa di un lavoro, ricerca storica accurata al servizio della fiction, assolutamente da leggere nel panorama del romanzo storico e non.

Un testo romanzato con lo stile eclettico di chi riesce nel mix di scrittura alta e pop senza darlo a vedere, altresì si percepisce sempre quel che di Tarantiniano nel sottofondo lontano di una Venezia in piena decadenza e già finzione teatrale di sé stessa. Ed in maniera teatrale Casanova diventa moderna Lara Croft infarcito del Dumas dei Tre Moschettieri tanto caro all’autore.

Aggiungo che finalmente leggo un Casanova “figo e rock”, un Casanova che vorrei vedere al cinema non lo nascondo, che non ammorba ma anzi prende il meglio di quella Mila e la sua ballata, esordio letterario di Matteo Strukul. Ma come il cinecomic ci insegna non esiste il bene senza il male e qui ne abbiamo in quantità e di qualità, supervillain settecentesco, uno Iago perfido aiutato dal suo “bravo” Roderigo.

Giacomo Casanova – La sonata dei cuori infranti, scevro delle dinamiche alla The bold and The Beautiful, caratterizzazione forte della tetralogia dei Medici, ci riporta ad una dimensione più congeniale allo scrittore che sforna una “credibilità aumentata”.

Le dinamiche dei personaggi, dove sesso, intrighi e arte (come non ammirare il Tiepolo) sono al servizio dell’avventura senza prestare il fianco alla storicità dei fatti, dimostrano che Strukul non mente ai lettori, li accompagna, a volte lieve a volte cruento, nelle pieghe della storia.

Insomma non il solito un romanzo storico che racconta del libertino di turno, ma un amore rock senza tempo, un omaggio alla donna più bella del mondo, Venezia.

Annunci
Tags:

© 2009 - 2018 Associazione Culturale Sugarpulp

Log in with your credentials

Forgot your details?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: