Annunci

Grazie Mr. Snowden, la recensione di Timothy Dissegna

Grazie Mr. Snowden, cos’è il datagate, perché riguarda l’Italia e perché ci rende liberi.

Titolo: Grazie Mr. SnowdenGrazie Mr. Snowden, la recensione
Autore: Fabio Chiusi
Editore: Valigia Blu, Messaggero Veneto
Prezzo: gratis

“Agghiacciante!” detto alla Crozza-Conte é il primo pensiero dopo aver finito di leggerlo. Ma anche dopo la prima pagina di “Grazie, Mr. Snowden!” (Valigia Blu-Messaggero Veneto), l’ebook del giornalista Fabio Chiusi sul Datagate, ti viene da metterti le mani tra i capelli per la disperazione. Perché lo scenario che ne esce fuori è a dir poco desolante e spiazzante.

Per chi fosse rimasto in letargo durante tutto quest’ultimo anno, il riassunto delle “puntate” del più grande scandalo americano di spionaggio è presto fatto.
La National Security Agencie (NSA) è l’organo governativo degli USA dedicato a garantire la sicurezza dei propri cittadini, scongiurando possibili minacce terroristiche. E proprio per questo fine, sono state spiate milioni di persone in tutto il mondo utilizzando la rete come…esca.
Proprio grazie a internet, infatti, sono stati raccolti miliarbi di gigabyte di dati su cittadini americani e non, arrivando a sorvegliare perfino i membri dell’Organizzazione delle Nazioni Unite!

E a quanto rivelano i documenti forniti da Edward Snowden, appunto, l’ex analist della CIA protagonista dell’enorme fuga di notizie top-secret che ha dato inizio al “Datagate”, ciò sarebbe avvenuto grazie a rapporti d’amicizia con i servizi segreti di Paesi alleati che fornivano gli USA dei dati richiesti.

Fabio Chiusi, giornalista friulano che da anni si occupa di tecnologia e dei suoi retroscena per L’Espresso e il Messaggero Veneto, riporta con estrema chiarezza e accuratezza di dettagli le notizie uscite a valanga dalle rivelazioni che Snowden ha affidato a giornali di tutto il mondo.
Soprattutto al Guardian, nella persona del giornalista Gleen Greenwald, che insieme al New York Times, Der Spiegel, O Globo e altri hanno scosso l’opinione pubblica mondiale.

Nelle pagine di “Grazie, Mr. Snowden!” si legge una vera e propria “morte” della privacy come la si intendeva fino ad oggi.
Funzionari dello stato sono stati in grado di penetrare i nostri limiti, dai social network alla posta elettronica, passando perfino per i videogame! Il tutto giustificato dalla “lotta al terrorismo”, spettro dietro cui si nasconde ancora adesso il sistema di spionaggio più organizzato dell’Occidente. Uno scenario orwelliano che incute i brividi e fa venire la pelle d’oca a ogni pagina.

L’ebook di Chiusi viaggia nei meandri di internet, ripercorrendo per tappe uno degli scandali più rumorosi degli ultimi anni passo dopo passo. L’autore, animato da un forte sentimento per la vera natura del web, ossia la piena condivisione e la privacy mantenuta nonostante tutto, cerca di tracciare la via per trovare una nuova soluzione a una rete sicura e senza paura di essere spiati.

Alla fine ti rimane l’amaro in bocca, probabilmente tra quei dati raccolti ci sono anche i tuoi, ma una cosa la capisci: internet va cambiato. Se si riuscirà in quest’impresa titanica, potremo smentire Orwel e il suo Big Brother. Un giorno.

Annunci
Tags:

© 2009 - 2018 Associazione Culturale Sugarpulp

Log in with your credentials

Forgot your details?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: