Annunci

Intervista a Matthias Schoenaerts

Interview with Matthias Schoenaerts

Intervista a Matthias Schoenaerts, protagonista Frères Ennemis, thriller-noir franco belga firmato da David Oelhoffen.

Matthias Schoenaerts è uno dei protagonisti di Frères Ennemis, thriller-noir franco belga di David Oelhoffen in concorso a Venezia75 . Il film racconta la storia di Manuel e Driss, nati e cresciuti come fratelli in una periferia in cui domina la legge del narcotraffico.

Schoenaerts è stato senza dubbio uno degli attori più amati dal pubblico femminile della Mostra del Cinema ed è probabile che sentiremo ancora molto parlare di lui.

L’ntervista

Cosa ti è piaciuto in questo progetto?

Diverse cose: l’universo, gli attori e il regista. FRÈRES ENNEMIS è una storia che doveva essere raccontata rapidamente e che è adatta per film di genere, come il crime fiction.

Come definiresti il ​​tuo personaggio, Manuel?

Provo a fare il contrario: non definire Manuel. Non voglio mettere il personaggio in una scatola, ma averne un’idea fuori dagli schemi. È, in primis, un essere umano, con dei contrasti. Definirlo è limitarlo. David Oelhoffen, il regista, ha cercato di dare complessità a quest’uomo che gli altri spesso riducono a un cliché, quello dello spacciatore, o addirittura definiscono con un insulto: “feccia”. Prima di essere ciò che rappresenta a livello sociale, questo personaggio è qualcuno che ha bisogno di dare e ricevere amore. La realtà del suo lavoro ha costruito il suo modo di vivere, ma non dice nulla della sua personalità. Quando si definisce qualcosa, si è molto vicini a giudicare. La mia definizione di Manuel è che è il ragazzo più dolce del mondo.

Sappiamo molto poco del passato di Manuel. Hai cercato di ricostruirlo?

Certo, ho creato la mia storia. Ma non è il passato che determina il suo presente. Lui è un uomo d’azione. In primo luogo, ho lavorato su alcune parti della sceneggiatura: la sua precedente amicizia con Driss (che è diventato un poliziotto), il suo legame con Imrane (il suo partner) e il rapporto con la madre di suo figlio. Mi è piaciuto che lei lo ami ancora ma non al punto da sostenere il suo modo di vivere, che potrebbe mettere in pericolo il loro figlio.

Cosa hai cambiato in te per avvicinarti al tuo personaggio, Manuel?

Inevitabilmente, ho adottato un altro linguaggio verbale e corporeo. Ho cercato una certa musicalità nel flusso delle parole, nel ritmo, senza esagerare troppo. Sono stato coinvolto nelle scelte dei costumi. Ho provato a caratterizzarlo, anche se tutto questo fa parte del processo intimo con cui un attore approccia alla costruzione del ruolo che va a interpretare. Spero che non sia troppo “ovvio” sullo schermo. Se i metodi che ho applicato per interpretare questo personaggio sono visibili, beh significa che ho fallito. Non mi piace quando lo sforzo è visibile, voglio essere preciso in ciò che è reale e credibile. Tutto questo fa anche paura perché le persone a volte mi scambiano per i miei personaggi!.

Eri consapevole di essere una delle due facce della stessa medaglia, da una parte c’è Manuel e dall’altra il personaggio di Driss interpretato da Reda Kateb? Ha influenzato la tua performance?

Sì, questo è il modo in cui David ha sviluppato il film. In un certo senso, Driss e Manuel condividono lo stesso destino. Ciascuno da un lato del recinto. Uno è un poliziotto, l’altro uno spacciatore. È così triste questa realtà. Non potevano rompere il circolo vizioso. Reda e io abbiamo adottato un certo linguaggio, un certo modo di essere, collegato all’ambiente in cui i nostri personaggi sono cresciuti. Stranamente, siamo finiti – senza rendercene conto – a creare dei ruoli che trasmettono un senso di mimetismo.

Annunci
Tags:

© 2009 - 2018 Associazione Culturale Sugarpulp

Log in with your credentials

Forgot your details?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: