Intervista doppia a Antonio Fuso e Andrea Mutti

Intervista doppia a Antonio Fuso e Andrea Mutti, i protagonisti della prima serata evento “Sugarpulp a Teatro!”, sabato 15 febbraio al Teatro Filarmonico di Piove di Sacco (PD)

Antonio Fuso e Andrea Mutti saranno i protagonisti della prima serata di Sugarpulp a Teatro!, la grande rassegna evento organizzata da Sugarpulp in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Piove di Sacco (PD). Vi presentiamo un’intervista doppia a questi due straordinari artisti, una golosa preview della serata di sabato 15 febbraio al Teatro Filarmonico di Piove di Sacco (si comincia alle 21.00, tutto gratis).

Intervista doppia a Antonio Fuso e Andrea Mutti

Il primo fumetto che hai letto

Antonio Fuso: Boh, sarà stato un numero di Topolino…

Andrea Mutti: Urca! qui devo concentrarmi… non sono sicuro se fosse Zagor – Odissea americana o Ken Parker – Uomini, bestie ed eroi… ‘azz, uno di questi due di sicuro. Ma dirti con esattezza la cronologia… non arrivo a ricordare! Sarò mica invecchiato!?!?

L’ultimo fumetto che hai comprato

Antonio Fuso: L’utimo numero di Topolino.

Andrea Mutti: Ieri, DYLAN DOG. Sono un lettore costante e ancora appassionato, nel senso che NON ho mai smesso di leggere anzi, ci tengo molto a sottolinearlo, lo trovo fondamentale per un autore. Fondamentale oltre che divertente, no?

Ha mai rubato un fumetto?

Antonio Fuso: Ne ho rubati decine. Quasi tutti da un’edicola di fronte alla Basilica di San Giovanni in Laterano.

Andrea Mutti: Ehm… Altra domanda? Sì, da ragazzino, KEN PARKER…

Quando hai capito che disegnare sarebbe diventato il tuo lavoro?

Antonio Fuso: Quando con i soldi guadagnati disegnando mi sono affittato una stanzetta per conto mio.

Andrea Mutti: Mah… quando in ospedale, era il 1986, supino per una lunga operazione alla spina dorsale, disegnai centinaia di pagine a fumetti. Ci ho riprovato adesso, per scherzo, non ci sono riuscito… mah! Comunque è stato lì, in quei lunghi giorni, anche se devo dire che fu una conferma, raccontare storie disegnate mi piaceva fin da piccolo, quindi…

Un disegnatore che per te è sempre stato un punto di riferimento

Antonio Fuso: Ben Templesmith.

Andrea Mutti: Uno solo? Ivo Milazzo, Ferri… Diso… guarda, mi fermo altrimenti andremmo avanti ORE. Certo questi hanno forgiato la mia immaginazione e la mia formazione grafica, erano quelli che più copiavo. Poi ho capito che solo Milazzo può disegnare Milazzo, Ferri Ferri, Diso Diso ecc… ma, insomma, sono loro, nostranissimi. Poi un segno importante Mignola, Miller, Kirby… e pure qui mi fermo. MA, devo ammettere, sono sempre curioso, cerco sempre di trovare nuovi stimoli… e li trovo sempre, che siano disegnatori mitici o nuovi esordienti. La ricerca è altra cosa fondamentale che rimane punto fermo per me.

Se non facessi il disegnatore faresti il…

Antonio Fuso: Direttore creativo.

Andrea Mutti: Lettore di fumetti? Non ne ho idea, qualcosa che ha anche fare con la gente. Non so, forse il medico?

Chi è più bravo tra voi due?

Antonio Fuso: A fare che?

Andrea Mutti: LUI

Disegnare per te è più un lavoro o un divertimento?

Antonio Fuso: Un lavoro. Io odio disegnare.

Andrea Mutti: un lavoro… che mi diverte un sacco!

– Meglio Twitter o Facebook?

Antonio Fuso: Twitter

Andrea Mutti: Eh?… FACEBOOK?

Tre aggettivi per definire il tuo lavoro

Antonio Fuso: Grafico, sintetico e paraculo.

Andrea Mutti: Espressivo, dinamico, realistico (spero)

L’ultimo libro che hai letto è…

Antonio Fuso: Viaggi e viaggetti di Sandro Veronesi

Andrea Mutti: The returned di Jason Mott

L’ultimo film che ha visto è…

Antonio Fuso: Viaggio sola di Maria Sole Tognazzi

Andrea Mutti: Uff! Ne vedo almeno 3-4 a settimana… ma l’ultimissimo è The wolf of Wall Street.

Ti piacciono di più i fumetti a colori o in bianco e nero?

Antonio Fuso: Bianco e nero

Andrea Mutti: Bianco e nero. Anche quando sono a colori, ne estraggo il segno in bn… spakkano!

– Un personaggio (o una serie) che ti piacerebbe da matti disegnare è…

Antonio Fuso: Nathan Never

Andrea Mutti: BATMAN

Dì qualcosa a Antonio Fuso… e ad Andrea Mutti

Antonio Fuso: Ah bello!

Andrea Mutti: L’ho conosciuto a Napoli un po’ di anni fa, non era ancora professionista… fu subito feeling e il suo lavoro mi colpì parecchio. Ma al di là di ciò, persona onesta, seria e senza fregole, uno vero, che non perde tempo a fare il divo. Un amico che stimo molto!

Un buon motivo per venire sabato sera all’incontro con te e Antonio Fuso:

Antonio Fuso: Perché? Che altro c’è da fare il sabato sera?

Andrea Mutti: Non servono motivi per vedere un amico!

Tags:

Contattaci

Non ci siamo in questo momento. Mandaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Sending

© 2009 - 2017 Associazione Culturale Sugarpulp

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account