Annunci

L’ira di Venere, la recensione

L'ira di Venere, la recensione

L’ira di Venere, la recensione di Federica Belleri del nuovo romanzo firmato da Piergiorgio Pulixi.

L'ira di Venere, la recensioneTitolo: L’ira di Venere
Autore: Piergiorgio Pulixi
Editore: Cento Autori
PP: 336

Piergiorgio Pulixi per la prima volta nella sua carriera di scrittore, pubblica un’antologia dedicata all’amore e alle sue mille sfaccettature.

Venti storie brevi che hanno il sapore del romanzo noir, come pugnalate dritte al cuore, che toccano temi importanti e di estrema attualità.

I protagonisti si perdono nei ricordi vissuti, dolorosi e difficili da scordare. Pagano per le loro colpe, ingannano e amano. Amano e uccidono.

Pulixi si sposta dalla ferocia come arma di protezione, alla dolcezza di una bimba che riposa. Dalla gelosia al tradimento. Dal sesso torbido all’amore puro. E ancora, dallo sfruttamento della prostituzione all’immigrazione clandestina. Dalla disabilità alla tortura.

Compare in un racconto la figura di Biagio Mazzeo, poliziotto che adotta volentieri le scorciatoie della giustizia. Importante è invece il filo conduttore di alcune di queste storie, Carla Rame. Commissario di polizia in grado di utilizzare intuito e professionalità, attacco e difesa nel giro di pochi attimi. Una donna sensibile quindi, ma dalle mille risorse.

L’autore scrive in modo diretto, lasciando il respiro del lettore in sospeso, ferendo quando è necessario. L’amore non risparmia nessuno, quando si trasforma e distorce la realtà. Non appartiene ad un genere specifico, quando si ribella e si vendica.

L’amore malato non ha età e può essere ricco o povero, non ha importanza. Può presentarsi sotto falso nome e attendere nell’ombra, in silenzio …

Mille emozioni e sensazioni. Una raccolta che mantiene alta l’attenzione e la tensione. Assolutamente consigliata.

Annunci
Tags:

© 2009 - 2018 Associazione Culturale Sugarpulp

Log in with your credentials

Forgot your details?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: