Annunci

La Palma d’Oro e tutti i vincitori di Cannes 71

La Palma d’Oro e tutti i vincitori della 71esima edizione del Festival di Cannes

Non c’è nulla da dire, questa 71esima edizione di Cannes è italiana!

Una cerimonia finale della manifestazione in cui il ritorno sul red carpet di Garrone e della Rhorwacher faceva ben sperare e così è stato. Un trionfo per la vittoria della miglior interpretazione maschile da parte di Marcello Fonte, l’attore protagonista di Dogman di Matteo Garrone, che si è visto consegnare la Palma proprio da Roberto Benigni, che anni fa il regista avrebbe voluto in quel ruolo. “Da piccolo, quando ero a casa mia e pioveva sopra le lamiere, chiudevo gli occhi e mi sembrava di sentire degli applausi. Ora gli applausi mi arrivano veramente, calorosi, e sento che la mia famiglia è il cinema, e voi”. Queste le parole con cui ha deciso di ringraziare Fonte per questo premio, la sua interpretazione intensa in Dogman, che ha conquistato il pubblico di Cannes fin da subito. E Alice Rorhwacher con il suo Lazzaro Felice torna a casa con il premio per la miglior sceneggiatura, mentre la sorella era nel film di Zanasi Troppa Grazia, premiato a la Quinzaine.

Insomma per l’Italia un trionfo questa Cannes, e c’è da dire che attorno a questi film c’è stato amore, punto. La Palma d’Oro va invece a Shoplifters, che è il nuovo film del regista giapponese Hirokazu Kore-eda. La storia è quella di una famiglia che fatica ad arrivare alla fine del mese, e che cerca di far quadrare i conti commettendo piccoli crimini, tra i quali furtarelli nei negozi. Quando incontrano una ragazzina che pensano essere senza casa, la accolgono fra loro, e tutti pensano che le cose vadano per il meglio, fino a quando non scoprono la verità su di lei e alcuni segreti vengono alla luce.

Spike Lee si aggiudica il Gran Prix con BlacKkKlansman, mentre il miglior premio alla regia va a Pawel Pawlikowski, il polacco con Cold War, altro film amatissimo di questa edizione. Tutti i premi li trovate qui, mentre a chiudere la Cerimonia sale sul palco Sting, ma intanto in Italia c’è molto su cui brindare!

Premi FEATURE FILMS

PALME D’OR
MANBIKI KAZOKU (Shoplifters) directed by KORE-EDA Hirokazu

GRAND PRIX
BLACKKKLANSMAN (Black Klansman) directed by Spike LEE

JURY PRIZE
CAPHARNAÜM directed by Nadine LABAKI

BEST PERFORMANCE BY AN ACTOR
Marcello FONTE in DOGMAN directed by Matteo GARRONE

BEST DIRECTOR PRIZE
ZIMNA WOJNA (Cold War) directed by Pawel PAWLIKOWSKI

BEST SCREENPLAY EX-ÆQUO
Alice ROHRWACHER for LAZZARO FELICE (Happy as Lazzaro)

Jafar PANAHI for SE ROKH (3 Faces) directed by Jafar PANAHI

BEST PERFORMANCE BY AN ACTRESS
Samal YESLYAMOVA in AYKA directed by Sergey DVORTSEVOY

SPECIAL PALME D’OR
LE LIVRE D’IMAGE (Image Book) directed by Jean-Luc GODARD

Premi UN CERTAIN REGARD

UN CERTAIN REGARD PRIZE
GRÄNS by Ali ABBASI

PRIZE FOR BEST SCREENPLAY
SOFIA by Meryem BENM’BAREK

PRIZE FOR BEST PERFORMANCE
Victor POLSTER for GIRL by Lukas DHONT

PRIZE FOR BEST DIRECTOR
Sergei LOZNITSA for DONBASS

JURY SPECIAL PRIZE
CHUVA É CANTORIA NA ALDEIA DOS MORTOS (The Dead and the Others) by João SALAVIZA and Renée NADER MESSORA

Annunci
Tags:

© 2009 - 2018 Associazione Culturale Sugarpulp

Log in with your credentials

Forgot your details?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: