Annunci

La pioggia ricorda, recensione

La pioggia ricorda, recensione

La pioggia ricorda, la recensione di Linda Talato del romanzo breve di Caterina Franciosi pubblicato da Delos Digital.

La pioggia ricorda, la recensione di Linda Talato del romanzo breve di Caterina Franciosi pubblicato da Delos Edizioni.
  • Titolo: La pioggia ricorda
  • Autrice: Caterina Franciosi
  • Editore: Delos Digital (Collana Delos Passport)

Di solito non mi faccio impressionare molto dalle copertine dei libri. Devo dire che spesso non le prendo nemmeno in considerazione. Quando ho visto però la cover de La pioggia ricorda di Caterina Franciosi ho pensato… wow!

Un po’ racconto, un po’ romanzo breve

A metà tra un racconto e un romanzo breve, la storia che ci racconta Caterina Franciosi riesce a catturare il lettore anche da un punto di vita visivo, grazie ad una cover che spazia tra i toni del blu intenso, le gocce di pioggia che spiccano sullo sfondo e l’anello abbandonato sull’asfalto.

Non so a voi ma a me è sembrato di trovarmi proprio lì, sotto quella pioggia intensa. Me la sono sentita tutta addosso, sui vestiti, sulla pelle.

La pioggia ricorda

La pioggia ricorda ha una doppia ambientazione spaziale e temporale: a New Orleans nel 2011 e a Portland nel 1962. Ed è proprio questa la forza della storia: due vicende che si intrecciano sapientemente, due vite unite da un legame di sangue e di affetti che l’autrice ha saputo gestire in maniera fluida, senza intoppi.

L’attenzione del lettore infatti è continuamente alimentata dalla magistrale alternanza dei due punti di vista che ci intrecciano.

I fatti raccontati dall’autrice avvengono a distanza di sei anni dal terribile uragano Katrina.

Melanie, la protagonista, ha perso entrambi i genitori a seguito della sciagura. A occuparsi di lei la nonna Eveline, personaggio affascinante con una storia da raccontare, che però la nipote non conoscerà mai. Non del tutto, almeno. E allora saremo noi, a sbirciare tra le pagine dietro alle quinte dell’animo di Eveline. Saremo noi a scoprire il passato doloroso che si cela dietro alla sua indole calma e riflessiva.

Piacevole la storia d’amore candida e semplice che nasce tra Melanie e Michael, il ragazzo della porta accanto, che lascerà la fatalona Gillian per stare vicino a Melanie e al dramma che vive dopo quel lutto dolora.

Franciosi è davvero brava: riesce a non rendere stucchevole e scontato un grande classico della narrativa romantica di oggi, ovvero il giovane belloccio che lascia la più carina della scuola per una ragazza più semplice e più vera.

Un passato oscuro

Per quanto mi riguarda devo ammettere di essere stata stregata dal passato di nonna Eveline: una storia di dolore e violenza nel Sud degli Stati Uniti, una storia coperta dal classico stereotipo maleodorante della famigliola perfetta. La nonna mette tutto in gioco, accetta la sfida con la vita e si ritrova ad essere una ragazza madre in fuga in un’altra città. 

Nel lavoro di Franciosi c’è anche un altra sotto-trama, o meglio, ce ne sarebbe stata un altra, solo che, l’autrice ha preferito non approfondirla. Peccato perché sarebbe stata sicuramente una direzione decisamente interessante da sviluppare.

La sottotrama che poteva essere sviluppata riguarda proprio Michael. Quando Melanie decide di presentarlo alla nonna, Eveline ha una reazione spropositata: è sconvolta dalla vista del ragazzo perché è praticamente identico a George, il suo ex marito (così ex da essere defunto).

Io non ho resistito e ho iniziato a fantasticare sul perché di questa incredibile somiglianza: Michael potrebbe essere un nipote frutto di una relazione extraconiugale, o chissà cos’altro… Insomma il lettore vorrebbe saperne di più, non può trattarsi soltanto di un caso.

Piccolo SPOILER.

Un di più non ci sarà, nel senso che la storia si concluderà positivamente e senza ulteriori sviluppi in merito: quella di Michael è solo una banale somiglianza che ha sconvolto Eveline, e nulla più. Con buona pace di chi, come me, sperava ci fosse qualcosa sotto.

La pioggia ricorda in definitiva un’ottima lettura: le pagine scorrono in fretta senza impegnare troppo il lettore ma, tuttavia, senza neppure essere mai banali.

Annunci
Tags:

Contattaci

Non ci siamo in questo momento. Mandaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Sending

Made with love by Andrea Andreetta

Log in with your credentials

Forgot your details?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: