Annunci

La Santa

La Santa di Cosimo Alemà è un film violento in cui non si respira speranza, né vi è redenzione per alcuno

Quattro disperati napoletani si improvvisano criminali e pianificano di rubare la preziosa statua raffigurante Santa Vittoria, la santa patrona di un paesino dell’entroterra leccese. Sono determinati e il piano è semplice: arraffare l’icona all’alba del giorno dopo la festa patronale e scappare con l’auto a mille all’ora.

L’entusiasmo e la fuga, tuttavia, sono subito smorzati dai devoti paesani che, bloccate le uscite del paese, danno inizio ad una furiosa e spietata caccia all’uomo.

La Santa

Cosimo Alemà, al suo secondo film dopo il bell’horror At the end of the day-Un giorno senza fine, si conferma come regista dal polso fermo e dalle idee chiare e moderne.

Ne La Santa si evocano il western, il noir, il film d’azione; generi che sembrano congeniali ad Alemà. Tra uliveti e muri di pietra a vista, illuminati dalla livida luce dell’inverno pugliese, insolita per l’immaginario collettivo per cui in Puglia splende sempre il sole, in un’atmosfera malata e malsana assistiamo alla messa in scena della violenza tribale, fisica e morale, di un’intera comunità, scagliata contro i malcapitati con la stessa furia ed indifferenza con cui un leone insegue e sbrana una gazzella nella savana.

Fortemente caratterizzato sotto il profilo territoriale, La Santa sembra quasi additare una certa cultura retrograda e brutale che ancora persiste non lontano dalle grandi città, in una (in)consapevole commistione di religiosità e di tutto ciò che ne è l’antitesi. Gli stessi uomini che la sera precedente marciavano in processione innalzando laudi e preci alla santa protettrice, l’indomani mattina imbracciano le doppiette per una battuta di caccia, con tanto di cani e mimetiche, a quattro disgraziati soltanto colpevoli di essersi fregati una statua.

Quello che più colpisce, è che la brutale violenza dei paesani venga perpetrata da uomini e donne dinanzi a ragazzini i quali, invece di esserne spaventati, vi assistono con partecipe interesse. Quello, e null’altro, è il lascito che rimarrà a loro.

La Santa

Altro aspetto apprezzabile è che, nonostante la connotazione regionalistica sia dei luoghi che dei personaggi principali, La Santa non è una specie di Gomorra o analoghe pellicole che necessitano di sottotitoli per comprenderne i dialoghi: il cast recita (e bene) in italiano, e ciò – secondo me – è più che apprezzabile. Questa cosa “neo-neorealista” dell’integralismo dialettale ha rotto le palle, diciamocelo.

I personaggi sono, inoltre, ben caratterizzati: soprattutto il fratello “scemo” del capo, che fa tenerezza, ed il pregiudicato che dimostra una sensibilità molto maggiore di quanto sembrasse, acquistando ormai troppo tardi la consapevolezza di aver bruciato inutilmente una vita, la sua.

Con un doppio twist finale, un po’ “telefonato” per la verità, La Santa è un film teso e violento, in cui non si respira speranza, né vi è redenzione per alcuno.

L’indifferenza, tra la vita e la morte, è un autobus che passa lentamente di fianco ad un cadavere riverso in mezzo alla strada deserta.

Guarda il trailer de La Santa su Youtube e il film integrale sul sito di Rai Channel

Padovano sanguemisto, classe 1969, era già nato quando l’uomo sbarcava sulla Luna in un teatro di posa allestito dalla NASA, sotto la regia di Stanley Kubrick.
“Lo Squalo” di Spielberg, visto all’età di sei anni, grazie all’incoscienza della nonna materna, lo segna irreversibilmente, mentre la visione di “Alien”, pochi anni dopo, completa il danno. Trascorre così gli anni ’70 consumando le poltrone di legno del cinema parrocchiale, divorando compulsivamente pellicole di tutti i generi, meglio se “de paura”. Naturalmente propenso alla lettura, sin da piccolo legge molto, soprattutto Topolino di cui, nei primi anni novanta, finirà per scrivere alcune sceneggiature pubblicate. Nel 2012, grazie al progetto di scrittura creativa The Survival Diaries, con il quale attualmente collabora, ha ripreso la penna in mano riscoprendo la sopita vena creativa. Dallo stesso anno, scrive racconti e recensioni per Sugarpulp.
Nella vita reale, esercita la professione di avvocato a Padova, è sposato con una moglie che lo sopporta, ama gli amici, la birra scura, la carne alla brace, il cibo fritto ed i ciccioli di maiale. Grazie a Spielberg, ha ancora un mal celato timore di tuffarsi in acque profonde.

Annunci
Tags:

Contattaci

Non ci siamo in questo momento. Mandaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Sending

© 2009 - 2018 Associazione Culturale Sugarpulp

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: