La Zolfa

la zolfa

San Pinerlo è un improbabile paesino della provincia italiana dove tutto gira intorno alla Zolfa, ex fabbrica di fiammiferi convertita in residence. Al suo interno vivono personaggi inquietanti e divertenti: una ex pornostar cabarettista, un maniaco del calcio, un magazziniere repubblichino in uniforme e un eschimese che si guadagna da vivere a furia di colpi di fortuna.

Signore incontrastato di questo piccolo mondo è il Cavalier Pistone, eccentrico possidente dedito al voyeurismo e alla masturbazione. È proprio lui ad indire il concorso per custode della Zolfa: ad aggiudicarsi il nuovo posto all’interno della comunità sarà Amilcare Fusillo detto Sulfo IV, centro narrativo di tutta la vicenda.

È una comunità di emarginati, la Zolfa, di “ultimi”, di reietti e dimenticati che sanno però trovare, nella vecchia fabbrica di fiammiferi, una comunità a tutto tondo, descritta con magistrale ironia in tutte le sue stranezze. A turbare questo equilibrio inconsueto, però, giunge la proposta di Adeneo Gorgosasso, imprenditore corrotto e spregiudicato del settore delle acque minerali, che intende comprare la Zolfa e farne un centro commerciale.

L’insurrezione è immediata e pianificata alla perfezione: insieme agli altri abitanti della vecchia fabbrica, Pistone occupa il palazzo comunale e proclama la Repubblica di San Pinerlo, in un delirio di onnipotenza che non tarda a sfociare in alcuni sadici omicidi. In bilico tra ironia ed inquietudine, lo scontro si fa sempre più aspro, fino a coinvolgere le più alte istituzioni della Stato e della Chiesa.

La Zolfa è un libro da non perdere, con numerosi punti di forza: la caratterizzazione dei personaggi, tutt’altro che scontati e sempre esilaranti, la trama lineare ed originale, i numerosissimi acuti comici dell’autore, che maneggia la storia e il linguaggio in maniera ammirevole, come nel caso del Cardinale Corrado di Bouguignonne, moderno inquisitore che si esprime in una lingua intessuta di arcaismi così fuori luogo da far ridere fino alle lacrime.

È un libro divertente, La Zolfa, ma anche profondo: Heman Zed riflette infatti con ironia e sarcasmo su temi importanti come l’identità culturale e l’emarginazione, la difesa delle risorse idriche e patrimoniali. Riprendendo la tradizione del Ruzante e dell’Armata Brancaleone, Zed confeziona un romanzo da leggere tutto d’un fiato, irriverente e surreale, leggero ma non frivolo. Un libro consigliato a tutti, esclusi i perbenisti.


  • Titolo: La Zolfa
  • Autore:Heman Zed
  • Numero di pagine:224
  • Editore: Il Maestrale
  • Prezzo: 15,00 euro
Tags:

Contattaci

Non ci siamo in questo momento. Mandaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Sending

© 2009 - 2017 Associazione Culturale Sugarpulp

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account