Annunci

L’assassino americano, la recensione

L’assassino americano di Vince Flynn è un romanzo che mette subito in chiaro le cose: azione, suspense, violenza.

L'assassino americanoTitolo: L’assassino americano
Autore: Vince Flynn
Editore: Fanucci / Time Crime
PP: 476
Prezzo: cartaceo 12,90 euro, ebook 2,99 euro.

L’assassino americano è un romanzo che mette subito in chiaro le cose: azione, suspense, violenza. Gli ingredienti, oramai, sono quelli: mafia russa (che nei romanzi di questi ultimi anni è sempre più difficile distinguere dallo stato), medio oriente, CIA. Un romanzo che parte come una bomba, salvo poi rivelarsi poco più che un petardo.

Mitch Rapp è un ragazzo in gamba, giovane e motivato. Un gran fisico, ottime attitudini al combattimento. E, soprattutto, è arrabbiato dopo che la ragazza che amava è finita tra i morti della bomba che abattè l’aereo della PanAm nei cieli scozzesi di Lockerbie.

L’odio, la rabbia, hanno bisogno di addestramento: sono sentimenti che vanno educati e veicolati. A farlo ci pensa un veterano della CIA, Stan Hurley. Un addestramento massacrante, fisico e psicologico. Il ragazzino ne uscirà come una macchina perfetta. Una fuoriserie. Ma le fuoriserie a volte sono difficili da condurre, è facile perderne il controllo.

Le premesse ci sono tutte, insomma. Ma poi la storia un po’ si perde. Diciamo la verità: finita la guerra fredda è davvero difficile scrivere una spy story, e per renderla interessante ci si caccia dentro un po’ di tutto. Ma spesso si svilisce l’idea, si perde un po’ il senso delle cose.

Vince Flynn (l’autore purtroppo è morto nel giugno del 2013) ha saputo creare un’ottima traccia, approfondita e con i dovuti momenti di tensione. Ma poi si è un po’ smarrito, giungendo ad un finale che lascia un po’ perplessi. Per non dire che è piuttosto scontato.

Una lettura, comunque, fluida e scorrevole, è un libro che si divora. Una compagnia piacevole per qualche ora di svago. Ma non chiedetegli molto di più.

3 barbabietole su 5

Fulvio Luna Romero, nato a Treviso nel 1977, città in cui è toranto a vivere dopo alcuni anni trascorsi tra Bologna e Trieste. Ci ha provato con gli studi, ci ha provato con la musica, ci ha provato con lo sport… da qualche anno ci prova anche con la scrittura. Nel tempo libero, tra la banca e la famiglia, ha pubblicato i suoi romanzi, in stretto stile noir, ambientati a nord est.
La serie Carlo Caccia, con l’omonimo investigatore privato: Carlo Caccia, La parte fredda dell’inferno, Il rumore discreto della nebbia, 5- non uccidere, La sesta corda.
La neonata serie Alex Romanelli, con protagonista un violento criminale: Sarò l’ultimo a morire.
Ha pubblicato anche un romanzo on-line dal titolo ‘La ragazza immobile’.
Chitarra o tastiera, penna o computer, scarpe da corsa o Moto Guzzi, l’importante è tenere alto il ritmo narrativo del noir di provincia, del thriller a km zero.

Fulvio Luna Romero was born in Treviso in 1977. After having lived in Bologna and Trieste for some years, he now resides in the city of his birth. He tried to study, he tried to play some music, he tried some sports… now, he’s also trying to write. In the spare time left by his job in a bank and his family, he has published some strictly noir novels set in North-Eastern Italy: the series featuring Carlo Caccia, a private eye: “Carlo Caccia”; “La parte fredda dell’inferno”; “Il rumore discreto della nebbia”; “5- non uccidere”; “La sesta corda”. He recently published the first novel in a new series, featuring Alex Romanelli, a violent criminal: “Sarò l’ultimo a morire”. He also released an on-line novel: “La ragazza immobile”. Guitar or keyboards, pen or PC, running shoes or motorbike (Guzzi): what’s important is to keep up the pace in his “zero-miles” thrillers.

Annunci
Tags:

Contattaci

Non ci siamo in questo momento. Mandaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Sending

© 2009 - 2018 Associazione Culturale Sugarpulp

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: