Annunci

Il lercio di Irvine Welsh, dal libro al film

Il lercio di Irvine Welsh, un libro assolutamente da leggere, un film da vedere. Corrado Ravaioli alle prese con le avventure di Bruce Robertson.

Il lercio di Irvine Welsh, dal libro al filmTitolo: Il Lercio
Autore: Irvine Welsh
Editore: TEA
PP: 400
Prezzo: euro 10 cartaceo, euro 6.99 ebook

Bruce Robertson è uno dei personaggi più spregevoli, abietti e disonesti partoriti dalla penna urticante di Irvine Welsh.

Investigatore presso la polizia di Edinburgo Robbo, come lo chiamano i colleghi, vive sempre al limite, strafatto di droga o alcol e pronto a soddisfare le proprie pervesioni sessuali. Non è affascinante e le sue armi di seduzione sono il ricatto e la sopraffazione.

Non è neppure un uomo d’azione. È semplicemente abile a prendersi ciò che vuole con metodi subdoli. Dimenticavo, il nostro Robbo ha uno spiccato istinto razzista e sessista e una personalità borderline.

In questo momento insegue la promozione a ispettore, un traguardo che farebbe felice l’adorata moglie Carole (adorata quando non è impegnato a traviare le donne di altri o testare nuovi stupefacenti). Il capo gli ha appena affidato un caso delicato e dalla sua soluzione potrebbe dipendere la promozione.

Dovrà superare la concorrenza di quattro colleghi ma il nostro antieroe non si farà alcuno scrupolo davanti agli avversari, calpestando qualsiasi codice etico o morale.

Come potete immaginare, l’indagine è solo un elemento del libro, non il fine ultimo. Il romanzo di Welsh è soprattutto un viaggio nella mente psicotica e deragliante di Bruce Robertson.

Il lercio di Irvine Welsh, dal libro al film

Il racconto in prima persona dei fatti e soprattutto dei pensieri, che assumono la forma di un flusso di coscienza, diventa una pagina dopo l’altra sempre più disturbante, ma al tempo stesso ti costringe a cercare la parola “fine”. Miscelate il tutto nel classico immaginario dell’autore scozzese, farcito di situazioni improbabili, estreme e spassose e avrete mix esplosivo.

Da questo libro incredibile, dopo anni di gestazione, nel 2013 è stato tratto un film scritto e diretto dal regista britannico Jon S. Baird. Il risultato non è ai livelli di Trainspotting (l’adattamento più riuscito di un libro di Welsh) ma siamo davanti a un film divertente, molto curato nella messa in scena grottesca, che ricorda alcune cose di Gilliam e “Bronson” di Winding Refn.

Come spesso accade, la pellicola è una riduzione del romanzo, e quindi perde necessariamente alcuni elementi importanti, ma mantiene una certa coerenza e appassiona anche grazie agli attori coinvolti, a partire da James Mc Avoy (Xavier di X-Men) che per l’occasione si presenta in pessima forma, sovrappeso, dallo sguardo lucidamente folle. Una perfetta incarnazione di Bruce Robertson.

Tra gli altri spiccano alcuni attori britannici dal pedigree eccellente, come Jim Broadbent, Jamie Bell ed Eddie Marsann.

Libro assolutamente da leggere, film piacevole e ben confezionato.

Guarda il trailer di The Filth (Il lercio) su Youtube

Annunci
Tags:

Visual, theme customization and a lot of love for this website are by Andrea Andreetta

Log in with your credentials

Forgot your details?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: