Librai vs Il Grande Gatsby

Librai vs Il Grande Gatsby, una polemica sterile e fuori dal tempo.

Librai contro Il Grande Gatsby, Fitzgerald si rivolta nella tomba.

Si, alcune librerie indipendenti, per ora site nella grande mela, si rifiuteranno di vendere la nuova edizione del Il Grande Gatsby. Motivazione? La nuova copertina prende le sembianze di Leonardo DiCaprio, tanto main stream quanto poco radical chic. Per loro bisognerebbe continuare a vendere la cover storica di Francis Cugat! Trovo questa polemica surreale.

Prima di tutto una mera considerazione di carattere storico: Scott trovò la copertina di Cugat già bella che confezionata prima di terminare il libro. Quest’ultimo la disegnò estrapolando due passaggi molto visivi del romanzo in scrittura, la villa sul lago agghindata a festa e il cartellone pubblicitario tanto simbolico del dottor T. J. Eckleburg. Tutto bello, tanto che il suo amico Hemingway disse “It looked the book jacket for a book of bad science fiction”. Maledetta Generazione perduta! Secondo perché è economicamente provato, dati statistici alla mano, che nell’80% dei casi il richiamo visivo al media trainante paga. Se esce il film con DiCaprio, si mette il suo bel faccione in copertina e si ricomincia a vendere con nuovo slancio. Economicamente obbligatorio per un’azienda. Perlomeno tentare.

Ora se i librai non vogliono essere “economicamente sostenibili” che chiudano e tanti saluti. Se vogliono fare impresa e restare sul mercato devono obbligatoriamente vendere un prodotto. Il loro prodotto si chiama libro e non è diverso dal dentifricio o le colle epossidiche. Provocazione forte la mia, certo, qui non parliamo di contenuti ma solo di estetica. L’estetica muove gran parte delle nostre scelte, non ammetterlo è insano, soprattutto per i professionisti del mondo editoriale che dovrebbero essere i primi a trarne vantaggio.

Defilarsi dalle politiche commerciali trincerandosi dietro a parole come “cultura” e “arte” è come scrivere il proprio epitaffio, accelerare verso una fine prematura senza l’Addio alle armi (commercialmente parlando s’intende).

Tags:

Contattaci

Non ci siamo in questo momento. Mandaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Sending

© 2009 - 2016 Associazione Culturale Sugarpulp

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account