Nick Carter, 40 anni sulla scena del crimine

Nick Carter, 40 anni sulla scena del crimine

Nick Carter, 40 anni sulla scena del crimine è un volume che non può mancare nella libreria di ogni appassionato di fumetti.

Mentre su New York calano le prime ombre della sera io sono a Padova a sbellicarmi dalla risate con questo autentico capolavoro firmato da Bonvi e De Maria.

Nick Carter è un fumetto anomalo dato che nasce come “fumetto in tv”: creato nel 1972 per la prima puntata di “Gulp! I Fumetti in TV”, programma che all’epoca si rivelò un successo devastante con l’82% di share (arrivò addirittura a superare Rischiatutto), cinque anni dopo tornò con Supergulp! e fino al 1981 divenne una presenza fissa nelle case degli italiani.

Questo splendido volume edito da Salani vuole celebrare i 40 anni di vita di Nick Carter e lo fa presentando le più belle storie di uno degli investigatori privati più amati di tutti i tempi (altro che Sherlock Holmes e compagnia cantante…).

Nick Carter, 40 anni sulla scena del crimine

Inutile dire che l’umorismo assurdo e demenziale di queste storie è ancora attualissimo, con il tratto inconfondibile di Bonvi ad animare il trio delle meraviglie Nick Carter-Patsy-Ten, protagonisti di una serie di avventure totalmente non-sense nella New York di primi del ‘900.

Non ci sono colpi di scena tra queste vignette, tutto va come deve andare: l’intro sempre uguale, la chiamata a Nick Carter, le “indagini” del nostro eroe, le massime di Ten, lo smascheramento del genio dei travestimenti Stanislao Moulinsky (“Ebbene sì, dannato Carter, hai vinto anche questa volta!”), fino alla saggia chiusura affidata a Patsy (“E l’ultimo…”).

Quella di Nick Carter è una vera e propria liturgia comica che accompagna i fedeli pagina dopo pagina, tra le strepitose trovate grafiche di Bonvi e le ambientazioni surreali di De Maria.

Parodia perfettamente riuscita del mondo del noir all’americana, Nick Carter è ormai un classico del fumetto, anche perché con il suo non-sense sfrontato Bonvi smaschera le tante assurdità della vita di tutti i giorni  (come del resto ha fatto con le Sturmtruppen, capolavoro assoluto di denuncia dell’assurdità della vita militare).

Leggere Nick Carter non solo giova moltissimo al proprio buonumore, ma è anche una di quelle cose che ti fa stare bene, ti fa sentire una persona migliore perché ti rendi conto che, in fondo, non vale la pena di prendersi troppo sul serio.

Un capolavoro all’insegna della semplicità, ad ulteriore dimostrazione, se mai ce ne fosse bisogno, che quando ci sono le idee e il talento basta davvero poco per fare bingo.

Nick Carter, 40 anni sulla scena del crimine

“Nick Carter: il mistero da 10 dollari”, guarda la puntata su youtube

Supergulp!, guarda la sigla del programma su youtube

Tags:

Contattaci

Non ci siamo in questo momento. Mandaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Sending

© 2009 - 2016 Associazione Culturale Sugarpulp

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account