Annunci

Ogni giorno ha il suo male, recensione

Ogni giorno ha il suo male di Antonio Fusco è un classico noir, ambientato in una provincia toscana scossa dalle inquietanti azioni di un serial killer

ogni giorno ha il suo male recensioneTitolo: Ogni giorno ha il suo male
Autore: Antonio Fusco
Editore: Giunti
PP: 256
Prezzo: 12,90 euro

Tommaso Casabona è commissario a Valdenza, in Toscana. Si è trasferito lì per respirare, dopo anni trascorsi a gestire casi difficili.

Ha bisogno di quell’ossigeno che gli è stato tolto dalle precedenti indagini, svolte in apnea. È sposato, ma la sua vita di coppia vacilla. Ha una figlia, Chiara, che ama più di se stesso. È sensibile, a suo modo, anche se i crimini che ha lasciato alle spalle lo hanno indurito, reso più spigoloso.

Tutto scorre, in provincia. Nessun caso complicato da risolvere.

Fascette stringicavo attorno al collo. Cadaveri ritrovati in “posa”, come se dovessero recitare. Lo scenario cambia, improvviso. Le vittime si susseguono, si parla di serial killer. Roma corre a Valdenza. La stampa è in fermento.

Casabona viene riscosso dal suo torpore, si sente in difficoltà, non ha elementi sufficienti dai quali partire…

L’assassino, invece, ha un piano preciso, segue regole folli, è un passo avanti alla polizia. È preparato, sfida e vorrebbe essere identificato. Forse è disperato e, in modo anomalo, sta chiedendo aiuto. È in mezzo a noi. Ma chi è?

Questo è un noir in piena regola, dall’ottimo ritmo. Buona la trama e i personaggi. L’autore è Funzionario della Polizia di Stato e Criminologo forense. La sua vita lavorativa traspira da ogni pagina.

La storia è un mix di azione e sentimento, amore e morte. Lo scenario è la quotidianità di provincia.

Antonio Fusco ci fa riflettere sul passato, sul terrore silenzioso di poter perdere qualcuno che amiamo nel profondo. Ci porta a pensare alle azioni che ogni giorno compiamo e alle loro conseguenze, a come ci si possa sentire sporchi o con la coscienza pulita.

Lo scrittore ci parla di amore distorto e malato, di disperati tentativi di ricostruire quello che ormai non esiste più, di cambiamenti che possano dare un senso nuovo alle nostre vite.

Consigliato. Buona lettura.

Annunci
Tags:

© 2009 - 2018 Associazione Culturale Sugarpulp

Log in with your credentials

Forgot your details?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: