Annunci

Salone del Libro, una Piazza che parla le lingue del mondo

Dal 9 al 13 maggio 2019 al Lingotto torna il Salone Internazionale del Libro. Lo Spagnolo sarà la lingua ospite di questa edizione.

Per omaggiare lo spagnolo, la Piazza dei Lettori – che dal 2017 dà voce e forma al tema del Salone del Libro – diventa La Plaza de los Lectores, con la biblioteca curata in collaborazione con AIB, Associazione Italiana Biblioteche; Biblioteche Civiche Torinesi e SBAM, Sistema Bibliotecario dell’Area Metropolitana, con l’area dedicata alle istituzioni e alle rappresentanze dai Paesi, e ancora con lo spazio da 120 posti per gli incontri pubblici.

Non mancherà la grande libreria, gestita da COLTI – Consorzio Librerie Torinesi Indipendenti, con novità editoriali e classici della letteratura espressa dalla lingua ospite dell’edizione.

Di Europa e America Latina e delle rispettive influenze parleranno Luis Sepúlveda e Giancarlo De Cataldo, di nuovi mondi Enrique Vila-Matas, grande spirito della letteratura di oggi.

E ancora arriveranno dall’Argentina Alan Pauls e Claudia Piñeiro; dalla Spagna Clara Sánchez e Antonio Muñoz Molina; dal Messico Juan Villoro e Guadalupe Nettel; da Cuba Leonardo Padura; dal Cile Nona Fernández; dal Venezuela Karina Sainz Borgo e tanti altri.

Si discuterà anche di traduzione, cultura del libro e stato delle biblioteche tra Italia e Spagna, in dialoghi che vedono protagonisti i rappresentanti delle maggiori università italiane e spagnole.

Al Salone del libro, poi, abbiamo invitato un “lettore” che fa dischi e concerti, per parlare di lettura e scrittura, di linguaggi e di viaggi, e siamo contenti che abbia accettato di esserci. È Jovanotti. Nell’edizione dedicata al gioco del mondo si parlerà anche del suo ombelico (quello del mondo).

Sarà una piazza affollata, ma tutto il Salone del Libro parlerà spagnolo nel 2019, a partire da Fabrizio Gifuni con Un certo Julio. Omaggio a Julio Cortázar e Roberto Bolaño, giovedì 9 maggio, ore 18 nella Sala Oro, un reading in cui l’attore diventa l’uno e l’altro, dando voce agli scrittori più rappresentativi dell’edizione. Neri Marcorè, invece, si misurerà con le pagine più celebri di Gabriel García Márquez.

A L’Eternauta di Héctor Oesterheld, fumetto di fama mondiale che anticipò l’arrivo della dittatura argentina, sarà dedicato un omaggio. José Muñoz, che ebbe come mentore proprio Francisco Solano López, disegnatore del capolavoro di Oesterheld, sarà al Salone per raccontarsi, a partire dai suoi albi a fumetti, pubblicati da SUR, dedicati a Billie Holiday e Carlos Gardel.

La Plaza ospiterà gli incontri costruiti insieme all’Instituto Cervantes che ha contribuito a portare in Italia alcuni degli scrittori ospiti del Salone, e che avrà un’area dedicata. Fondamentali le sinergie con il festival della letteratura spagnola e latinoamericana di Perugia Encuentro, con pordenonelegge, con l’Ambasciata Argentina in Italia e con Promperù – ente di promozione turistica del Perù.

Per parlare spagnolo, il Salone del Libro ha tessuto relazioni con eccellenze internazionali, in un’ottica di condivisione e scambio, come l’Istituto Italiano di Cultura di Madrid diretto da Laura Pugno, ospite dalla manifestazione, e quello di Buenos Aires. Grazie alla collaborazione con la direttrice Donatella Cannova e con la Feria Internacional del Libro de Buenos Aires si è dato vita al progetto Quadrante Sud, che porterà tutto l’anno scrittori italiani nella capitale dell’Argentina: il primo sarà Sandro Veronesi.

Ma non solo, il Salone raggiungerà anche Londra, in occasione del FILL – Festival of Italian Literature in London, coordinato da Marco Magini, Claudia Durastanti e Marco Mancassola, e per consolidare i propri legami con l’Istituto Italiano di Cultura diretto da Marco Delogu.

Maggiori info e dettagli sul sito ufficiale del Salone.

Annunci
Tags:

Made with love by Andrea Andreetta

Log in with your credentials

Forgot your details?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: