Annunci

Sotterfugi e Vanin, accoppiata vincente

La presentazione dell’ebook firmato Sotterfugi e di “Mirko e il Mostro di Carlo Vanin” ha richiamato un gran numero di pubblico, a dimostrazione del fatto che in poco più di un mese di vita ormai Sugarpulp Schio è una realtà più che affermata.

Dopo tre incontri dedicati a vari autori, più o meno affermati, è il turno dei fondatori di Sugarpulp Schio di presentare il loro primo lavoro. Mediatore d’eccezione, Matteo Strukul che tornerà a Schio il 23 marzo a presentare il suo lavoro “Regina nera” in collaborazione con Schio Comics.

La presentazione inizia con la proiezione del video “Sugarpulp: il Nordest non è più Paese per vecchi” che, in poco più di cinque minuti riassume la storia del movimento Sugarpulp e la sua vertiginosa ascesa nel mondo della cultura che conta. Il video dimostra come il neonato movimento di Sugarpulp Schio abbia alle spalle una solida associazione che può fare grandi cose anche all’ombra del Pasubio.

La serata poi segue lo solito schema noto per chi è già navigato in questo ambiente: reading con accompagnamento musicale – con il ritorno alla chitarra di Matteo Cattelan. Al microfono si alternano Carlo Vanin con brani estrapolati dal suo “Mirko e il Mostro” (LA CASE Books) e Riccardo Dal Ferro che legge gli incipit dei racconti tratti da “L’Abisso-Sotterfugi Vol.I”.

E’ il turno di Matteo Strukul, a cui tocca l’onore e l’onere di indagare la psicologia di fondo del lavoro di Carlo Vanin. Ciò che possiamo rivelarvi, senza rovinare la sorpresa della lettura del libro, è che “Mirko e il Mostro” tratta la storia di un ragazzino all’ultima moda che cambia radicalmente il suo modo di essere dopo l’incontro con una non meglio specificata “mostra”.

Si tratta di un romanzo di de-formazione – come sottolinea l’autore nel corso dell’intervista – perché il modo di interagire del protagonista con il mostro valica i confini di ogni schema concettuale che il lettore possa aspettarsi di trovare. La stessa idea del romanzo era in realtà stata pensata in maniera differente: la storia, in origine, doveva essere un racconto breve all’interno di una stesura di una cinquantina di altre storie – tutte scritte da Vanin – ma si è poi rivelata ideale per la stesura di un vero e proprio romanzo.

La peculiarità dell’autore è che riesce a far dialogare il romanzo con il suo lettore, dimodoché quest’ultimo possa personalizzarne i dettagli nella maniera a lui più congeniale. Nell’era del web 2.0, in cui spesso il successo di un lavoro viene costruito grazie ai feedback che l’autore riceve dai suoi lettori in fase di stesura, la particolarità narrativa di Vanin emerge come una declinazione più interessante di questo modo di operare.

Dopo un altro paio di reading viene intervistato il duo di Sotterfugi, che parla di come nascono i lavori all’interno del Blog e dei progetti più estesi che hanno in serbo per il futuro. Dopo l’intervista, il booktrailer del secondo volume di Sotterfugi ha mostrato al pubblico come nasce una delle illustrazioni di Marco Pasin, perché ricordiamo che Sotterfugi è un blog di racconti illustrati in cui i disegni sono parte integrante del lavoro letterario. Viene quindi proiettato uno speedpainting, con uno dei lavori che sarà possibile trovare nel prossimo ebook del duo Dal Ferro-Pasin “Gli Orribili Ritratti”: Il Gondoliere.

Visto l’eccezionale successo di “L’Abisso-Sotterfugi: Vol.I” i fondatori di Sugarpulp Schio hanno tutte le carte in regola per stupire i propri lettori anche con il loro secondo lavoro, assai appetibile anche per il suo costo irrisorio. Insomma una lettura che non può mancare nella vostra biblioteca digitale.

Annunci
Tags:

© 2009 - 2018 Associazione Culturale Sugarpulp

Log in with your credentials

Forgot your details?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: