Spiderman di Todd McFarlane & David Michelinie

L’Omnibus dedicato allo Spiderman di Todd McFarlane e David Michelinie è l’occasione per fare il punto su una delle run storiche dell’Uomo Ragno

Spiderman di Todd McFarlane & David MichelinieTitolo: Marvel Omnibus The Amazing Spider-Man di D. Michielinie e T. McFarlane
Autori: David Michelinie (testi) e Todd McFarlane (disegni)
Editore: Panini
PP: 856
Prezzo: 59.00 euro

Chi ha provato l’emozione di “leggere in diretta” quella serie di albi sa bene di cosa sto parlando perché ci sono emozioni che non si dimenticano tanto facilmente.

Senza girarci troppo intorno, il discorso è molto semplice: non si era mai visto uno spidey così (nel bene e nel male).

Disegni ipercinetici, a volte barocchi nella loro tortuosità, pagine piene zeppe, cattivi cattivissimi, ragnatele ovunque, quella maschera dagli occhi enormi che spuntavano fuori dall’ombra. E ancora ragnatele, tante ragnatele.

E poi New York, l’altra grande protagonista di quella run indimenticabile: una New York buia, malfamata, una palude nera in cui Lizard sguazzava perfettamente a suo agio.

Spiderman di Todd McFarlane & David Michelinie

Un concentrato di vizi e perversioni in cui il buon Hobgoblin o lo Scorpione erano semplicemente due dei tanti pazzi maniaci che girano per le strade: alcuni sono in giacca e cravatta, altri hanno sono verdi e hanno la coda, ad altri spuntano artigli di adamantio dalle mani, altri hanno stretto un rapporto simbiotico con un alieno con la lingua lunga così, altri ancora sono miliardari impazziti che segregano la povera Mary Jane.

Cose che capitano un po’ dappertutto (ma a New York di più).

In definitiva uno Spiderman assolutamente in 3D quello disegnato da McFarlane, un Uomo Ragno che buca la bi-diminesionalità della carta come mai prima di allora e che ha lasciato tutti a bocca aperta: so che può sembrare assurdo parlare di 3D per un comics, ma la sensazione che si prova di fronte a quelle pagine è proprio quella.

Finisci di leggere il fumetto e sei stanco come se ci fossi stato dentro.

Spiderman di Todd McFarlane & David Michelinie

Dopo questa lunga e intensissima run, che ha dei momenti assolutamente vintage e che oggi fanno un po’ sorridere), nel 1990 arrivarono le 15 storie scritte e disegnate da McFarlane che segnarono il debutto della collana Spiderman (il numero 1 vendette 2 milioni e mezzo di copie solo negli Stati Uniti, così, giusto per dire…).

Per queste dovremo aspettare un nuovo Omnibus (che arriverà, fidatevi…), ma resta il fatto che lo spidey di McFarlane rappresenta senza dubbio uno dei vertici della pluridecennale vita editoriale dell’Uomo Ragno, anche per le peculiari caratteristiche di un autore che era tutto tranne che un autore: uomo di puro entertainment, McFarlane ha più volte dichiarato di aver letto sì e no un paio di libri in vita sua e di avere pochissimo interesse per tutto ciò che può essere sintetizzato con il termine “scrittura”.

E infatti il suo Spiderman è il risultato naturale di questa mentalità, di questo status: non è scritto, non è disegnato, è vivo.

Forse soltanto la totale incoscienza di un ragazzotto americano cresciuto a cavallo tra i ribelli anni ’70 e gli yuppissimi anni ’80 avrebbe potuto produrre qualcosa di così vivo, di così assolutamente a-culturale e, di conseguenza, assolutamente vitale.

Spiderman di Todd McFarlane & David Michelinie

Siamo tremendamente vicini al “Be Stupid” di Renzo Rosso eppure in queste tavole io non vedo pensiero, non vedo consapevolezza, non vedo “scrittura”: vedo divertimento, emozioni, slancio, passione.

Vedo un bambino che si diverte come un pazzo a disegnare ragnatele e occhi enormi d’insetto ovunque. Non c’è spazio per la riflessione, la vita si prende tutto.

Dopo quella folle corsa tirata a ritmo sfrenato arrivo la Image, Spawn e il mondo del fumetto americano imboccò una strada da cui non sarebbe più tornato indietro, ma questa è un’altra storia.

Tags:

Contattaci

Non ci siamo in questo momento. Mandaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Sending

© 2009 - 2017 Associazione Culturale Sugarpulp

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account