Annunci

Sugarpulp Festival 2012: Matteo Corona

Quelli che aspettano “Territori Noir: Sugarpul Festival 2012”: un’intervista multipla a tutti i protagonisti del prossimo Sugarpulp Festival. Oggi vi presentiamo Matteo Corona:

Cosa ti aspetti dal Sugarpulp Festival?

Amicizia e professionalità.

Quanto contano gli aspetti legati al territorio (o ai territori) nei tuoi lavori?

Sono solo i pezzi blu di un lego multicolore preesistente (di migiaia di pezzi, frammenti di mie esperienze) che smonto per comporne un altro.

Secondo te si pubblica troppo?

Più si pubblica e più ci sono possibilità che nuovi e futuri capolavori non rimangano nel cassetto.

Editoria digitale (dall’ebook al selfpublishing, da Apple a Amazon): che ne pensi?

Selfpublishing: un’opportunità per “debuttanti allo sbaraglio”, meglio dei contratti 500 copie delle maggiori case editrici. La corsa alla crescita prevede grandi numeri in poco tempo. A scapito della qualità. Forse è l’unico difetto. eBook= 1kg e centinaia di libri, zaino di scuola = 15 kg e cinque libri

Il podio dei tuoi film preferiti.

Qualcuno volò sul nido del cuculo, The machinist, L’estate di Kikujiro

Meglio Twitter o Facebook?

Uso Facebook e trascuro twitter. Non ho attecchito su twitter, non so se è meglio o peggio.

Consigliaci un autore da invitare al festival 2013.

Nicholas Evans (Sugar) e Quentin Tarantino (Pulp).

Cinque aggettivi per definire la tua scrittura.

Progettata (non parto senza sapere dove finisco), tirata (cerco di levigare le frasi come un sasso nel fiume), viscerale (il serbatoio da cui attingo emozioni è intimo e personale), indecisa (non sono mai sicuro di procedere nella giusta direzione), rincorsa (nel senso di voluta, desiderata: ci vuole passione, scrivere per me è faticoso!).

La colonna sonora del tuo ultimo romanzo.

Vanessa sente il ronzio dei neon. Io il ronzio della ventola del pc mentre scrivevo di lei.

I tre romanzi che ti hanno influenzato di più, sia come persona che come autore/autrice.

Autodafè, Bartleby lo scrivano, Buon giorno Los Angeles

Il libro che non sei mai riuscito a finire di leggere.

La montagna incantata, Thomas Mann.

Annunci

© 2009 - 2018 Associazione Culturale Sugarpulp

Log in with your credentials

Forgot your details?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: