Cobra, la recensione

Cobra è un thriller dal sapore pulp che ti stupisce con un ritmo veloce, dialoghi serrati e precisi e con una forte caratterizzazione cinematografiche..

Cobra di Deon Meyer la recensione di Federica BelleriTitolo: Cobra
Autore: Deon Meyer
Editore: Edizioni e/o
PP: 400
Prezzo: 16,00 euro

Città del Capo, Sudafrica. Un miscuglio di razze, suoni, lingue e colori. Deon Meyer ci porta nella sua terra d’origine con il terzo thriller, dopo Safari di sangue, e Tredici ore e Sette Giorni.

Il protagonista è Bennie Gressiel, capitano della omicidi. Ex alcolista, alle prese con un relazione complicata e fragile con Alexa. Padre di due figli, si ritiene una nullità, un debole, incapace di essere sincero.

La sua squadra è quella dei Falchi, corpo speciale e preparato, ma non invulnerabile. L’indagine? Un rapimento, una serie di omicidi intrecciati fra loro, eseguiti da spietati professionisti.

Carneficine portate a termine in brevi istanti, nel silenzio attonito degli scarsi testimoni. Volti non facilmente identificabili dalle telecamere di sicurezza e sorveglianza. Bossoli, rimasti a terra, incisi e particolari.

Un piccolo oggetto da recuperare. L’Apartheid è ormai alle spalle ma, gli eventi, sembrano riportarlo in vita. L’autore ci introduce nel sistema bancario, corrotto e manipolatore.

Nel mondo dei servizi segreti e di algoritmi finanziari. L’Interpol e i Consolati sono in stato di allerta. Le coincidenze sbagliate si susseguono, i cadaveri pure. Tutti sono spiati e controllati, non ci si può fidare di nessuno.

Le alte sfere fanno pressione per togliere il caso a Gressiel e ai Falchi. Perché? Cosa c’è in gioco? Chi sono i personaggi scomodi da zittire? Chi sta mentendo? Assalti e inseguimenti.

Conflitti a fuoco, dove due pistole una di fronte all’altra decidono la vita e la morte in un secondo. Persone da proteggere.

Questo è il Cobra. Un male viscido e infestante. Questi sono i “Falchi”, tenaci e uniti. Non mollano, in nome della giustizia.

Il ritmo veloce, i dialoghi serrati e precisi, le scene cinematografiche, più sequenze incrociate, caratterizzano questo thriller dai tratti pulp. Decisamente consigliato.

Buona lettura.

Tags:

Contattaci

Non ci siamo in questo momento. Mandaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Sending

Made with love by Andrea Andreetta

Log in with your credentials

Forgot your details?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: