Annunci

Kung Fu Panda 3, la recensione

Kung Fu Panda 3 è un film meravigliosamente riuscito. L’ennesima conferma per uno dei franchise più azzeccati degli ultimi anni.

Kung Fu Panda 3 è un film meravigliosamente riuscito. Era difficile continuare a mantenere il livello dei primi due episodi, eppure anche questa volta la Dreamworks ha fatto centro.

Le idee narrative sono spettacolari, il livello dell’animazione è altissimo, l’uso dei colori è magistrale (lo scontro finale tra Po e Kai è da doppia libidine col fiocco), l’impatto visivo del film lascia letteralmente a bocca aperta grandi e bambini.

E poi, al di là di tutto, si ride come dei cretini dall’inizio alla fine del film grazie ad una serie di trovate comiche che arrivano sempre al momento giusto (io ho anche pianto come una fontana ma sono un caso disperato…).

kung-fu-panda-3-la-recensione-di-giacomo-brunoro

La nuova avventura di Po ci porta a scoprire non solo una serie di nuovi sgangheratissimi maestri di kung fu e un cattivone che è davvero cattivissimo, ma anche lo strepitoso villaggio segreto dei panda (villaggio in cui vorrei trasferirmi domani, peraltro).

Dentro a Kung Fu Panda 3 c’è davvero di tutto: azione, emozione, sentimenti, paura, risate… i personaggi sono costruiti alla perfezione per divertire i bambini e gli adulti, con Po che ancora una volta si conferma come uno degli eroi più scalcagnati e amati di sempre.

Se vi sono piaciuti i primi due film di Kung Fu Panda non potrete non amare il terzo episodio di un franchise che non sbaglia davvero un colpo (e andatevi a recuperare anche la serie tv e I segreti dei 5 cicloni).

Il film va al di là dei soliti triti e ritriti luoghi comuni educativi che ultimamente ti propinano in maniera forzata in ogni film “per bambini”, diverte in maniera intelligente colpendo dritto al cuore e raccontando una storia che si sviluppa in maniera fluida e naturale (e sto aspettando al varco i soliti moralisti spaccamaroni che ne approfitteranno di questo piccolo grande capolavoro per montare le loro inutili e tristi polemiche).

kung-fu-panda-3

Per carità, tutto va come deve andare e non ci sono grossi colpi di scena, ma Po è un personaggio così umanamente fuori dagli schemi che diverte sempre, e insieme a lui tutti i fantastici character che popolano la saga di Kung Fu Panda.

L’aspetto visivo poi è ancora una volta riuscitissimo, con un uso di colori capace di creare una serie di suggestioni visive che lasciano senza fiato e ti buttano di peso dentro alla storia (questo è un film che va assolutamente visto al cinema).

Un’ora e mezza di grande cinema di animazione che vi farà innamorare ancora di più del Guerriero Dragone, dei Cinque Cicloni, di Mr. Ping e di tutti gli altri strampalati ma umanissimi personaggi che popolano il mondo di Kung Fu Panda.

Guarda il trailer di Kung Fu Panda 3 su Youtube

kung-fu-panda-3-la-recensione

P.S.

E buttiamoci dentro anche un po’ di orgoglio Made in Italy visto Kung Fu Panda 3 è diretto da Jennifer Yuh e da Alessandro Carloni, ormai una vera e propria colonna della Dreamworks.

 

Annunci
Tags:

Contattaci

Non ci siamo in questo momento. Mandaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Sending

Made with love by Andrea Andreetta

Log in with your credentials

Forgot your details?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: